La Cattura di Ratko Mladic

La cattura di Ratko Mladic

La cattura di Ratko Mladic non e’ giunta come un fulmine a ciel sereno nei salotti internazionali e nelle tv di tuttto il mondo come lo era stato per Radovan Karadzic. Dopo la cattura di quest’ultimo era chiaro che il nuovo corso intrapreso dalla Serbia era quello di chiudere i conti con il passato e avere il passaporto per l’ingresso nell’Unione Europea.

Eppure questa cattura colma una delle figure piu’ imbarazzanti e delle tante umiliazioni a cui a volte la diplomazia internazionale ci ha abituato. Per anni, dal 1995, la diplomazia internazionale e la NATO dichiarava di voler catturare i responsabili delle atrocita’ commesse durante la Guerra in Bosnia; quando l’Occidente decide finalmente di intervenire in una situazione che era diventata vergognosa promettendo la sua cattura e quella di Karadziz, il massacro di Srebrenica fu un pugno nello stomaco all’ONU, con i cashi blu impotenti di fronte aquanto stava succedendo, senza muovere un dito per bloccare quel boia.
Purtroppo, come ben sappiamo, l’esito e’ stato lo stesso di tante altre avventure militari: la Guerra fini’ ma di Karadzic e Mladic nessuna traccia, grazie a coperture, garanzie e concessioni tra le parti in gioco. Al tempo apparve chiaro che Mladic godette della copertura del president serbo Milosevic, specialmente quando cominciarono ad emergere con sempre piu’ chiarezza i dettagli dei massacri. Karadzic e Mladic ufficialmente divennero dei criminali di Guerra ricercati dal Tribunale Penale Internazionale per crimini di Guerra e genocidio, ma dal 1995 al 1999 erano solo dei fantasmi che si aggiravano per l’Europa dilaniata dai nazionalismi.
Nel 1999 torno’ improvvisamente sulla bocca di tutti quando Milosevic intraprese la sciagurata guerra in Kosovo, e l’intervento occidentale ancora una volta prometteva di chiudere i conti con il passato, con Milosevic, Mladic e Karadzic. Ma finita la Guerra ancora nulla di fatto.

Eppure da quel moment il muro che premise a Karadzic e Mladic di restare nascosti comincia a sgretolarsi per una serie di ragioni:
La prima e’ puramente politica e affonda le sue radici nei cambiamenti interni alla politica serba. Le autorita’ serbeconoscevano i nascondigli di Karadzic e Mladic, ma la presenza di Milosevic, del suo partito e degli organi di potere e controllo rendevano impossibile la loro cattura. La svolta cominicia dopo la rivolta che costrinse Milosevic alle dimissioni, e con il susseguente cambio di guardia a Belgrado si apriva anche una nuova era di relazioni con l’Occidente. L’arresto di Milosevic, e la sua consegna al TPI, fu il fattore di svolta: la Serbia apriva ad una maggiore collaborazione, rinunciando all’idea della grande Serbia, del nazionalismo e si proponeva come meta un possible ingresso nell’UE.
Da quel momento appare chiaro che piu’ da un desiderio puramente umanitario le autorita’ di Belgrado vedono come ultimo fine l’ingresso nell’UE; cosi’ ecco una serie di concessioni: l’arresto di Milosevic, la fine della federazione con il Montenegro e la perdita del Kosovo, la cattura di Karadzic, e adesso di Mladic.

Quest’ultima rappresenta un ulteriorer tentativo della Serbia di dimostrare all’Occidente che vuole seriamente voltare pagina, ma in parte serve anche per non toccare ora l’unico vero ostacolo alla sua candidatura nell’UE: il riconoscimento delo Kosovo come stato indipendente. Questo é ora il vero punto sul quale si gioca la partita per Belgrado: accettare quello che é stato definito da tutti una palese violazione del diritto internazionale o cercare di convincere l’UE e la NATO che ci possono essere altre vie per giungere all’integrazione?
La cattura di Mladic si incunea in questo contorto sistema di concessioni e richieste, con stati d’animo differenti; in Serbia i moderati sperano che questo sia sufficiente a convincere Bruxelles; i nazionalisti serbi vedono la sua cattura come un’offesa per colui che considerano un eroe di guerra, e potrebbero trovare un alleato insospettato proprio nei moderati che si oppongono al riconoscimento del Kosovo. Quest’ultimi potrebbero usare i nazionalisti come arma per intimidire la diplomazia internazionale. In occidente la cattura di Mladic é ovviamente ben accolta: da una parte per ragioni umanitarie, dall’altra per coprire la vergognosa inerzia di tutti gli anni della guerra nei Balcani. Eppure Mladic rappresenta allo stesso tempo un fattore di ansia: la sua comparsa di fronte al Tribunale di Hague potrebbe rispolverare vecchi rancori, ed evidenziare le connivenze che al tempo permisero a Mladic di agire indisturbato. Specialmente il massacro di Srebrenica potrebbe trasformarsi in un processo alla missione ONU e ai politici del tempo.

Questi fattori lasciano perció piú di un dubbio sulla possibilitá che giustizia venga fatta in tutti i sensi e dimostrando che le ragioni economiche e di stabilita’ politica sono secondarie agli interessi dettati dalle potenze in gioco.
La tragedia dei Balcani ha solo messo in evidenza che le guerre non risolvono del tutto i problemi, che anche i criminali finiscono per avere sempre un ruolo determinante come pedine essenziali di una scacchiera nella quale, prima che i veri giocatori possano proclamare vittoria, molte altre pedine saranno sacrificate in nome di ragioni di Stato e convenienze politiche che poco o niente hanno a che fare con lo spirito umanitario.

Advertisements

16 thoughts on “La Cattura di Ratko Mladic

  1. Heya this is an excellent article. I am going to e mail this unique to our friends. I actually came upon this kind of while looking regarding yahoo I’m going to be certain to come back. thank you for revealing.

  2. Hello there there! This submit couldn’t be created any much better! Reading through by means of this submit reminds me of my past place mate! He constantly held speaking about this. I’ll ahead this informative article to him. Quite positive he’ll have a very great study. Thanks for sharing!

  3. Individuals are yours alright! . We a minimum of have to get these men and women stealing pictures to begin running a blog! They possibly just did a picture lookup and grabbed them. They search great however!

  4. Hello there, just required you to know I he added your internet site to my Google bookmarks due to your layout. But seriously, I think your net internet site has 1 in the freshest theme I??ve came across. It extremely helps make studying your weblog significantly easier.

  5. Greetings! Really useful guidance on this short article! It truly is the small adjustments that make the most important adjustments. Many thanks a great deal for sharing!

  6. I really like your weblog.. extremely wonderful hues & theme. Did you create this site yourself? Plz reply again as I’m looking to create my own web site and would like to know wheere u acquired this from. many thanks

  7. This web site is unquestionably relatively useful given that I’m on the minute producing a web floral web site – even though I’m only commencing out consequently it is actually relatively little, practically nothing similar to this web site. Can hyperlink to some in the posts right here because they are very. Many thanks a lot. Zoey Olsen

  8. I really like your weblog.. really good hues & theme. Did you create this site yourself? Plz reply back again as I’m looking to create my own website and would like to know wheere u received this from. many thanks

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s